I sì e i no di una corretta skin routine

Cosa fare e cosa non fare per mantenere la pelle del viso in buona salute? Partire da una buona detergenza, alimentarsi nel modo corretto e seguire alcune piccole regole in ogni momento della giornata. Ecco i consigli che tutte possono seguire e senza troppi sacrifici

42-59940798

Può piacere o non piacere, ma certo non si può negare che Kim Kardashian abbia una pelle del viso liscia e senza imperfezioni. Frutto di attenzioni particolari e di cure dettate da uno dei dermatologi più noti a Los Angeles e dintorni, il dr. Harold Lancer, che ha di recente scritto un libro ricco di consigli relativi alla salute della pelle, The Breakthrough Anti-Aging Method for Radiant Skin. Il dr.Lancer si occupa anche del viso di Beyoncé ed è colui che è riuscito a eliminare o almeno a tenere sotto controllo il problema che da sempre ha assillato Victoria Beckham, la pelle grassa e impura. Il suo consiglio, in questo caso, è stato quello di alimentarsi con più criterio, mangiando ad esempio più salmone, ovvero Omega3, secondo quanto affermato dalla stessa interessata. Ma nel libro, il dermatologo elargisce diversi consigli davvero basic su come ottenere e mantenere una pelle sana, senza troppi sforzi ma con piccoli accorgimenti quotidiani. Che riguardano una buona detersione, una corretta e oculata esfoliazione, un’alimentazione equilibrata, l’utilizzo di prodotti a base di acidi dei quali tanto si parla ma che poi in realtà non sempre sappiamo di che si tratta e piccole e all’apparenza insignificanti regole da introdurre come abitudini di vita. Come base di partenza, però, il dott. Lance raccomanda una buona pulizia e l’esfoliazione, perché la prevenzione e la cura sono le migliori medicine. Ecco alcune semplici regole da seguire:


Struccare sempre il viso. Occorre eliminare sempre il trucco, i residui infatti posso occludere i pori, scegliendo il prodotto in base alla propria pelle: meglio con lozione struccante che latte detergente se la pelle è impura e con le mani invece che con cotone o spugnette, probabili ricettacoli di batteri.
Scegliere il detergente partendo dalla propria pelle. Se sensibile, ad esempio, evitare i saponi e preferire detergenti senza risciacquo da abbinare a nebulizzazione di acqua termale che verrà delicatamente tamponata usando dischetti di cotone.
Attenzione alla giusta temperatura dell’acqua: non deve essere calda o fredda perché infiamma la pelle, piuttosto tiepida.
Esfoliare la pelle, ma non più di una o due volte a settimana. Gli scrub fisici possono davvero aiutare a mantenere puliti i pori mentre gli esfolianti chimici, a base di acidi come gli idrossiacidi della frutta, sono un ottimo modo per eliminare l’olio in eccesso.
Utilizzare un tonico, perché oltre che contribuire a eliminare meglio trucco e residui di sporco, agisce come idratante, purifica e riequilibra il ph della pelle preparandola a ricevere meglio i trattamenti successivi.
– Come le spugnette lava-viso, i pennelli da trucco sono ricettacoli di batteri e per questo andrebbero lavati almeno una volta a settimana con detergenti specifici.
La vitamina A aiuta a tenere sotto controllo la produzione di sebo. Quindi sì ai cibi che ne sono ricchi.

NO
Evitare gli sbalzi di temperatura che rilassano e dilatano i capillari.
Non toccare mai i brufoli perché questo può causare la proliferazione dei batteri e peggiorare la situazione
Non utilizzare prodotti troppo sgrassanti perché eliminando del tutto la barriera idrolipidica della pelle la si lascia troppo esposta a batteri e agenti inquinanti.
Non è necessario utilizzare una maschera viso ogni giorno, ma inserirla nella routine una o due volte a settimana può dare alla pelle quel mini-boost di cui ha bisogno.
– Per quanto riguarda il fumo, una recente ricerca dell’Italian Acne Board ha dimostrato che la presenza di acne in età adulta può arrivare ad interessare fino al 70 per cento delle donne fumatrici. La pelle infatti si riempie di impurità che causano acne, che non è di tipo infiammatorio.
– Avrete mai pensato che i batteri possono depositarsi sulla pelle anche quando si utilizza il telefono cellulare, soprattutto se viene appoggiato al viso? Non fatelo, così come non toccatevi il viso troppo spesso con le mani
Ridurre i carboidrati è il modo migliore per iniziare a purificare la pelle. Aggiungere cibi freschi come verdure, soprattutto crocifere e proteine ​​magre come pesce e pollo nella dieta. Questi sono gli alimenti che “alimentano” la pelle.
– Un mito da sfatare è che alcuni cibi, come il cioccolato, favoriscano l’acne. In realtà intervengono sul processo infiammatorio, peggiorandolo. È però vero che i cibi ad alto indice glicemico innalzano i livelli di insulina nel corpo stimolando gli ormoni, causa dei brufoli.
– Chi presenta una pelle sensibile dovrebbe limitare il consumo di alcool, spezie e caffè.

Share