Bravi o cattivi ragazzi?

Ovvero quelli dall’aria pulita contro quelli dall’allure maledetta? Li trovate nella gallery insieme ai personaggi che hanno interpretato sul grande e piccolo schermo. Chi preferite?

Il bad boy attira. Lo dicono i fatti quanto le statistiche. Ma l’apparenza spesso inganna. Perché il “cattivo ragazzo” in realtà ha solo l’aria un po’ maledetta, stropicciata, e un’attitude più rock di quello che viene definito il “bravo ragazzo”. Quest’ultimo, infatti, si presenta con un viso angelico, il look pulito e l’atteggiamento composto. Ma non esiste statistica, in entrambi i casi, che dimostri quanto il good o il bad possa poi rivelarsi come appare dell’etichetta. Della serie, come cantava Vasco Rossi «Buoni o cattivi non è la fine. Prima c’è il giusto o sbagliato da sopportare…»

Se nella vita reale siamo spesso confuse su quale possa essere l’uomo più adatto a noi, il piccolo e il grande schermo ci possono aiutare a non cadere nella trappola di quello “sbagliato”. Prendiamo Chuck Bass e Nate Archibald di Gossip Girl, il primo più cupo, il secondo più dolce e affidabile. Ma in molti casi è il bad boy che si scopre essere il più predisposto a portare avanti una relazione stabile.

L’ultimo esempio arriva dalla reunion del cast anni Novanta di Beverly Hills 90210, dove Luke Perry – alias Dylan McKay – visto come il “ribelle” del gruppo, dedica un pensiero alla sua co-protagonista Shannen Doherty ovvero Brenda Walsh, che sta combattendo contro il cancro: «Nessuno di noi oggi sarebbe qui, senza Shannen. Ne ha passate un sacco. In questo momento non sta bene, ma a volte i suoi contributi sono stati ridotti al minimo. È stata usata come agnello sacrificale e la colpa è stata data a me. Mi ha insegnato molto. Sono contento che abbiamo recitato insieme. Ha fatto un gran lavoro con il suo personaggio per quanto riguarda la storia che aveva con il mio». Ecco, Jason Priestley, fratello acqua e sapone Brandon nella serie tv, non si è spinto sentimentalmente a tanto.

O ancora in The Dreamers. Theo, francese e dall’aria maledetta, contro Matthew, il ragazzo della porta accanto da presentare ai genitori. Ma siamo sicuri, alla fine di tutto, che sia andata proprio così? Stessa cosa accade per i fan di X Factor. Alvaro Soler è il chico latino che tutte le mamme vorrebbero al fianco della propria figlia mentre Fedez, forse per quei tatuaggi o l’aria sempre un po’ imbronciata, viene subito etichettato come più “aggressivo” anche se nelle ultime puntate la situazione sembrerebbe essersi ribaltata.

COSA SUCCEDE A XFACTOR? >>

Noi lasciamo decidere a voi, almeno dal punto di vista di entertainment, con una carrellata di “scontri” tra i belloni nella gallery in alto. Thor o Loki della Marvel, Derek Shepherd o Mark Sloan di Grey’s Anatomy, Edward Cullen o Jacob Black di The Twilight?

Share